Attualità

Fa smart working il 12% dei lavoratori italiani

25 Giugno 2024 - 07:39

-

102 visualizzazioni

Fa smart working il 12% dei lavoratori italiani

Alberto De Pasquale

Ma la Germania ha il doppio degli occupati da remoto e ne aveva di più già nel 2019. Livelli di lavoro da casa più alti anche in Francia e Spagna.

Qualche anno fa era una sperimentazione riservata a pochi. Poi nel 2020 è diventato all’improvviso la regola per quasi un lavoratore su cinque, mentre oggi il lavoro a distanza, o smart working, se si preferisce usare lo pseudo anglicismo con cui è conosciuto in Italia, è cresciuto pur risultando ancora poco praticato. Soprattutto quando si fa un confronto con gli altri principali paesi europei.

Nel 2023 il 12% degli occupati italiani ha lavorato almeno parzialmente da casa, riuscendo a conciliare più agilmente i tempi della giornata, ottenendo più flessibilità e risparmiando tempo e denaro grazie agli spostamenti casa-lavoro evitati. Il dato emerge dal Rapporto Bes 2023 dell’Istat, secondo cui si tratta di «un valore molto più alto di quelli pre-pandemici» e che suggerisce come lo smart working possa «aver assunto carattere strutturale». Senz’altro qualcosa si è mosso, considerando il contesto italiano di partenza. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Sostieni il giornalismo di qualità, abbonati a Money.it

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Abbonati ora

Sei già iscritto? Clicca qui

Commenta:

Money.it è una testata giornalistica a tema economico e finanziario. Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 84/2018 del 12/04/2018.

Money.it srl a socio unico (Aut. ROC n.31425) - P. IVA: 13586361001

Termini e Condizioni