Politica Internazionale

Al G20 di Rio, l’Occidente sotto scacco

5 Marzo 2024 - 14:08

-

201 visualizzazioni

Al G20 di Rio, l'Occidente sotto scacco

Guido Salerno Aletta

Non è finita come al G20 di Bali, svoltosi nel luglio del 2022, quando il Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov era rimasto isolato a difendere le posizioni del proprio Paese.

Il G20 non è più la cassa di risonanza del G7, la sede di incontri attraverso cui l’Occidente cerca di estendere la propria influenza sui Paesi maggiormente industrializzati.

Stavolta, i lavori del G20 di Rio sono stati diretti da Luiz Inácio Lula da Silva: leader del Partito dei Lavoratori, eletto Presidente del Brasile per la terza volta dopo i due mandati consecutivi ricoperti dal 2003 al 2011, storico artefice del Gruppo dei BRICS, subentrando il 17 ottobre del 2023 a Jair Bolsonaro, decisamente filoamericano. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Sostieni il giornalismo di qualità, abbonati a Money.it

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Abbonati ora

Sei già iscritto? Clicca qui

Commenta:

Money.it è una testata giornalistica a tema economico e finanziario. Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 84/2018 del 12/04/2018.

Money.it srl a socio unico (Aut. ROC n.31425) - P. IVA: 13586361001

Termini e Condizioni